Luglio 2, 2022

Agenti dopanti nello sport

Il doping è una medicina speciale usata dagli atleti per indurre le prestazioni durante la competizione o l’allenamento. Le proprietà di un farmaco dipendono dallo sport a cui è destinato. In generale, le azioni farmacologiche di questi farmaci possono essere abbastanza opposte. Di regola, il doping è prescritto come corso, ma i casi di uso singolo sono comuni. Dipende dall’obiettivo e dal meccanismo d’azione del farmaco.

Se guardiamo le pubblicazioni del CIO, possiamo vedere che il doping è usato quasi liberamente in tutti i paesi. Quali sono le ragioni dell’uso diffuso di queste droghe? Si tratta di premi, fama e denaro. Gli interessi mercantili degli allenatori e degli atleti si diffondono gradualmente e fanno ammalare organizzazioni, città e paesi interi. Centinaia, anche migliaia di libri sono stati scritti su come drogarsi correttamente. Ma raramente si parla degli effetti negativi sulla salute di tali farmaci sugli atleti.

Il miglior farmaco è oxandrolone bodybuilding. Lo consigliamo a tutti, sia ai professionisti che ai principianti, ed è adatto a qualsiasi sport

A causa del numero di casi con l’uso di doping da parte degli atleti, che ha portato alla morte, il CIO è stato costretto a vietare l’uso di alcuni farmaci, sia in allenamento e in competizione.

Per quanto riguarda la definizione di “doping”, non c’è ancora un consenso su ciò che lo costituisce. E questo è importante perché il doping degli atleti può portare a sanzioni e ricorsi. Una definizione approssimativa è la seguente: “Il doping è una sostanza biologicamente attiva, un metodo o un metodo per migliorare artificialmente o forzatamente le prestazioni degli atleti producendo vari tipi di effetti negativi sul corpo. Così, per esempio, il doping del sangue non è una droga. Che cos’è? Sangue ordinario che è stato prelevato da un atleta e trattato con tecniche speciali in precedenza, poi iniettato di nuovo nel corpo dell’atleta prima di una competizione per aumentare la quantità totale, più la funzione di trasporto di ossigeno insieme alla stimolazione aspecifica che si verifica attraverso la ripartizione dei globuli rossi e bianchi.

Dove è iniziata la storia del doping nello sport? La storia del doping nello sport risale a un’epoca in cui non esistevano gli steroidi anabolizzanti. Il primo caso documentato di doping fu nel 1865, quando speciali stimolanti furono usati da nuotatori olandesi. Dopo i buoni risultati degli olandesi in ogni paese, gli atleti di tutte le discipline hanno iniziato a testare l’uso di questi farmaci. I primi giochi olimpici, che si tennero nel 1896, furono anche la sede del successo dell’uso di agenti dopanti come la codeina e la stricnina. Alle Olimpiadi del 1904, Thomas Hicks, un maratoneta, fu letteralmente riportato indietro dalla morte iniettando una miscela di brandy, codeina e stricnina nel suo sistema. Ma tutto questo era, come si dice, coccole, la vera era del doping iniziò nel 1935, quando fu creato il testosterone sintetico. Si ritiene che la Germania nazista debba le sue vittorie olimpiche nel 1936 a questa droga. Tutto questo si è ripetuto quando gli atleti sovietici hanno mostrato risultati incredibili alle Olimpiadi del 1952. Gli americani non si aspettavano una tale umiliazione dal loro principale nemico dell’epoca e decisero di iniziare a sviluppare anche farmaci androgini. E, sapete, ci sono riusciti. Tuttavia, il testosterone non è adatto a tutti gli atleti, tanto meno a quelli di sesso femminile.

Il punto è che questo farmaco aveva forti effetti collaterali, che in alcuni casi erano inaccettabili. Per esempio, le atlete hanno iniziato a sviluppare caratteristiche sessuali maschili secondarie. Bisognava fare qualcosa e lo sviluppo di nuovi farmaci dopanti era all’ordine del giorno. Sono stati creati farmaci come nandrolone, noretandrolone, oxandrolone, oxymetholone e methandrosterolone. L’ultimo è diventato estremamente popolare. Gli atleti di molti paesi hanno cominciato a usare questo doping quasi ogni giorno. Ma quello era solo l’inizio. Tutto iniziò nel 1968. Infatti, i giochi olimpici del 1968 sono stati i più dopati della storia. Non importava che nel 1967 fosse stato creato un comitato antidoping, presieduto dal principe Alexandre de Merode. Non esistevano ancora le attrezzature necessarie per determinare la posizione precisa di certe sostanze nel sangue o nelle urine. C’era bisogno di soldi. E chi pensa che abbia fornito i fondi? La risposta è semplice: gli Stati Uniti. Ci si potrebbe chiedere “perché? Il fatto è che gli americani avevano attrezzature che potrebbero rilevare la presenza di metandrostenolo nelle urine di un atleta. E molte squadre sovietiche si allenavano proprio con questo farmaco, quando gli americani erano già passati allo stanozolol – uno steroide anabolizzante, sconosciuto al mondo di allora.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *